Università in Ostaggio

Campagna per la sensibilizzazione contro l’esecuzione dell’Università pubblica, del diritto allo studio e del futuro dei ricercatori precari e a tempo indeterminato!

La maggioranza si appresta a votare il DDL Gelmini dopo aver gettato la maschera e averlo addirittura peggiorato rispetto all’ultima versione nelle Commissioni Bilancio e Cultura di ieri 19-11-2010. In particolare sono stati cancellati – per motivi di bilancio – tutti gli emendamenti al DDL Gelmini che la stessa maggioranza aveva inserito nel percorso parlamentare e definito come irrinunciabili. Siano dunque coerenti e responsabili: rinuncino ad approvare il DDL che ora ancora di più si  prefigura come l’esecuzione del nostro futuro preso in ostaggio.

Aderite producendo la vostra immagine di ostaggio (clicca qui per scaricare APPELLO_FORM) e spedendola a dimartin@dm.unipi.it oggetto fermiamoli), sostituendo tale immagine alla vostra home page se ne possedete una, inviandola a quotidiani e politici, attaccandola fuori dai vostri studi, nelle vostre bacheche (per gli studenti) , in giro per la città!

Fino ad ora (24 novembre ore 11) ci è giunta notizia di questi ostaggi:




2 risposte a Università in Ostaggio

  1. Ermenegildo Caccese ha detto:

    Penso con orrore a cosa sarà domani chi oggi ha venticinque anni, chi ha desiderio di conoscere e la conoscenza gli viene negata. Queste persone saranno meno ricche di noi. Non solo perché non avranno un lavoro decente, un servizio sanitario decente, non solo perché non avranno la possibilità di formare la propria famiglia. Gli mancheranno soprattutto la conoscenza, e quella particolare forma di libertà che solo in essa si fonda. Non sapranno più quel che altri gli fa…
    Ermenegildo Caccese
    Dipartimento di Matematica e Informatica
    Università della Basilicata

  2. gianna vignoni ha detto:

    Mi pare ovvio che tutto ciò faccia parte di una strategia. Una strategia che mira solo ed esclusivamente a portare i cittadini all’indigenza culturale, alla mancanza totale di conoscenza, alla disabitudine a pensare, commentare, capire , distinguere, criticare, proporre; all’incapacità ad usare la propria testa. In ogni campo i politici che ci governano e che la maggioranza degli italiani che sono andati al voto, hanno scelto non fanno altro che vivere alle spalle della società: sono veri e propri parassiti, budelli senza fondo che ingurgitano di tutto tanto sono vuoti e squallidi nei loro abiti firmati e nelle cianfrusaglie lussuose di cui si circondano. Non sanno parlare, non sanno comunicare, non sanno ascoltare: si abbuffano e basta. Ma a quanto pare, a molti italiani va bene così: hanno già perso il senso della verità e della libertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...